A complicare, siamo tutti esperti a esser felici, siamo tutti incerti la verità sta tra due concerti finché la barca va e Orietta Berti

(Mudimbi, Il mago)

Ditemi che non vi siete mai chiesti se esiste veramente ala felicità.

Domande come: sarò mai felice veramente? Quando toccherà a me?

Beh in questo caso i migliori guru della felicità vi risponderebbero che il trucco sta nel spostare l’attenzione da ciò che accade a come tu affronti ciò che ti accade.

Facile no?

Mi viene da sorridere, perché anche io a volte lo dico, ma non sono un guru della felicità.

Facciamo qualche riflessione insieme.

Le frasi che sento più spesso quando mi si chiede aiuto sono:

“per essere felice mi manca..”

“per essere felice dovrei”

“Per essere felice vorrei”

“non sono felice perché”

“vorrei essere finalmente felice”.

Andiamo per ordine. Cercando su google la parola Felicità la prima cosa che viene fuori è la canzone di Albano e Romina, poi la definizione di Wikepedia: la felicità è lo stato d’animo positivo di chi ritiene soddisfatti tutti i propri desideri. 

Mi piace e rende molto bene l’idea del perché la felicità in fin dei conti pare proprio irraggiungibile.

Si pensa che la felicità sia legata a ciò che si ha o non si ha, a ciò che si raggiunge o non si raggiunge.

Quindi per definizione la nostra felicità è necessariamente legata a qualcosa di esterno.

Come si può quindi raggiungere la felicità se dipende da qualcosa di esterno, o da desideri che a volte sono irraggiungibili?

Beh, anche qui i guru della felicità vi direbbero che nulla è impossibile se lo si vuole.

Affermazione che a mio parere andrebbe maggiormente approfondita così come il fatto che la nostra felicità dipende dalla modalità con cui reagiamo agli eventi.

Forse la cosa più utile è sganciare la felicità dai desideri e impegnarsi a vivere nel qui e ora.

Proprio nel tuo qui e ora puoi trovare tante di quelle risorse che nemmeno ti immagini. Ciò che tu definisci felicità non è altro che la tua quotidiniatà ordinaria che vivi ogni giorno mentre sei impegnato a ricercare ciò che tu pensi sia la felicità.

Non è vero che nella vita puoi avere tutto, e che la felicità dipende da come tu reagisci a ciò che accade.

Iniziamo a fare pulizia.

1-Inizia a trovare la felicità in ciò che hai ora e in ciò che fai ora.

2-Inizia ad agire non a reagire.

Reagire a ciò che accade vuol dire vivere in balia delle emozioni, agire a ciò che accade vuol dire essere responsabili di ciò che vogliamo vivere.

A volte saremo soddisfatti al massimo altre di meno, ma è normale, la vita è fatta di tante persone, eventi e cose.

Allora il vero trucco sta nel pensare sempre a ciò che noi possiamo realmente fare per vivere al massimo la nostra realtà, non fare la lista dei desideri e sperare che accadano per essere felici.

Sognare e desiderare è molto importante ma se non si agisce ecco che subentra quello stato di frustrazione che ci fa pensare che la felicità non esiste.

Conoscete tutti Walt Disney? Immagino di si. Proprio grazie ai sogni ha realizzato ciò che oggi possiamo vedere. Il segreto? Ha dato le gambe ai propri sogni.

Invece spesso ciò che vedo sono dei sogni senza gambe.

Quindi dove trovi la tua felicità ora?

 

Top
[/column]